Consigli utili

Indossare la mascherina è diventato un gesto automatico,
ma siamo sicuri di farlo correttamente? Ecco alcuni consigli utili.

consigli utili

Indossare correttamente una mascherina

Indossare la mascherina è uno delle azioni di prevenzione principale per contenere il contagio del Coronavirus. È obbligatorio a seconda delle norme in vigore durante l’anno, in relazione all’incremento o meno dell’indice di contagio RT. È necessaria poi in tutte quelle situazioni in cui non si può garantire la distanza consigliata di almeno un metro dalle altre persone, come al supermercato o al lavoro. 

Indossare la mascherina facilita poi un’altra buona arma di difesa contro il contagio: con la mascherina risulta impossibile o quasi toccarsi naso e bocca, principali vie di trasmissione del virus. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha elencato il corretto procedimento per indossare una mascherina.

Come in molti altri casi prima di tutto è necessario lavarsi bene le mani, con acqua e sapone o con un disinfettante a base alcolica, strofinando per almeno 20-30 secondi.

Per asciugare le mani è meglio evitare dispositivi elettrici ad emissione d’aria, mentre è preferibile usare un fazzoletto di carta.

Una volta estratta la mascherina dalla confezione, va posizionata sul viso, coprendo completamente sia il naso che la bocca. A seconda del modello la cucitura deve essere orientata in modo da andare dal naso al mento.

La mascherina va fissata con con gli elastici dietro le orecchie o dietro la nuca a seconda dei modelli.

Indossare correttamente una mascherina

Indossare la mascherina è uno delle azioni di prevenzione principale per contenere il contagio del Coronavirus. È obbligatorio a seconda delle norme in vigore durante l’anno, in base all’incremento o meno dell’indice di contagio RT. È necessaria poi in quelle situazioni in cui non si può garantire la distanza consigliata di almeno un metro dalle altre persone, come al supermercato o al lavoro. 

Indossare la mascherina facilita poi un’altra buona arma di difesa contro il contagio. Con la mascherina risulta impossibile o quasi toccarsi naso e bocca, principali vie di trasmissione del virus. 

consigli utili

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha elencato il corretto procedimento per indossare una mascherina.

Come in molti altri casi prima di tutto è necessario lavarsi bene le mani, con acqua e sapone o con un disinfettante a base alcolica, strofinando per almeno 20-30 secondi.

Per asciugare le mani è meglio evitare dispositivi elettrici ad emissione d’aria, mentre è preferibile usare un fazzoletto di carta.

Una volta estratta la mascherina dalla confezione, va posizionata sul viso, coprendo completamente sia il naso che la bocca. A seconda del modello la cucitura deve essere orientata in modo da andare dal naso al mento.

La mascherina va fissata con con gli elastici dietro le orecchie o dietro la nuca a seconda dei modelli.

Togliere correttamente la mascherina

È soprattutto in questa fase che bisogna fare attenzione ad alcuni passaggi.

Come nella prima fase è necessario lavare le mani, oppure basterà togliere i guanti monouso, nel caso in cui siano stati indossati. 

Poichè la parte anteriore della mascherina potrebbe essere stata contaminata durante l’utilizzo, va evitato il contatto.  Bisogna quindi fare attenzione a sfilare gli elastici dietro le orecchie, uno alla volta

Se indossiamo una mascherina lavabile, ma non possiamo lavarla immediatamente, essa va conservata in un sacchetto di plastica ben chiuso, in modo da non entrare in contatto con altri indumenti. 

Dopo aver tolto la mascherina, è di nuovo necessario lavare le mani per essere sicuri di eliminare eventuali agenti patogeni trasmessi maneggiando la mascherina usata. 

Lavare la mascherina

E’ possibile lavare le mascherine Valentino Orlandi in lavatrice a 60°, oppure a mano in una soluzione idroalcolica o altro agente igienizzante. È altresì possibile sterilizzarle facendole bollire in acqua (previa rimozione degli elastici).

Non vanno asciugate in asciugatrice e non vanno assolutamente stirate, per non compromettere il potere filtrante del TNT.

Possono essere lavate per un massimo di 9/10 volte

Se si utilizzano per brevi periodi (come per andare a fare la spesa o portare fuori il cane), possono essere utilizzate 3 / 4 volte prima di procedere al lavaggio, avendo cura di conservarle in sacchetti di plastica ben chiusi; se invece si utilizzano in ambiente di lavoro per 8 ore si consiglia di lavarle ogni giorno.